Risvegliare la P.e.r.l.a. che è in te

Che tu sia uomo o donna vittima di violenza puoi sempre risvegliare la P.E.R.L.A. che è in te...   

E' questa l'idea progettale originaria che, come già anticipato nell'articolo precedente  (https://www.osas.tv/single-post/2018/02/07/La-violenza-e-la-Perla-%C3%A8-possibile-andare-oltre-lo-sportello-psicologico) sta prendendo una forma concreta per mano di Sonia Dionisi e Flavia Margaritelli che vogliono farsi portavoce di questo nuovo modo di fare intervento. 

 

Il gruppo di lavoro ha ideato un protocollo di intervento per le vittime di violenza e sta procedendo con l'affinare ulteriormente il percorso metodologico nello sviluppo di un vero e proprio Protocollo  Espressivo della Resilienza per Liberarsi dall’Aggressione. 

 

Il progetto consiste nell'applicazione di un protocollo ideato per liberarsi dal trauma subito a seguito di un’aggressione e rivolto alle vittime di violenza psicologica, sessuale, fisica, sociale, domestica, lavorativa, scolastica nel caso in cui non riescono a creare un contesto favorevole per lo sviluppo di nuovi progetti di vita.

Le ideatrici hanno messo a punto una tecnica professionale articolata con una batteria di strumenti, nuovi e/o applicati in altri contesti, mettendoli al servizio di un protocollo adatto alle vittime, dirette e indirette, di contesti violenti e aggressivi per effettuare un monitoraggio e intervento di sviluppo resilienza.

 

Il programma di presa in carico di uomini e donne si svolge in 6 tappe, in un arco di tempo flessibile dai 3 ai 6 mesi in base a riferimenti metodologici scientifici e rigorosi  (per le fonti: il modello a sei fasi a cui si fa riferimento muove le proprie riflessioni da “ Promuovere la resilienza “individuale sistemica”: un modello a sei fasi. Numero Monografico Psicobiettivo  Matteo Selvini, Anna Maria Sorrentino, Maria Chiara Gritti, Copia spedita alla Rivista, 1 ottobre 2012).

 

Il protocollo P.e.r.l.a.  utilizza  i seguenti strumenti :

Test di misurazione della resilienza, mandala delle stagioni (copyright Dionisi), musicoterapia e test di personalità (Test colori di Luscher).

Gli strumenti sono espressivi perchè si vuole utilizzare la metafora, per dare la possibilità di esternare diversamente l’azione aggressiva subita o agita. 

Il progetto vuole diventare presto una realtà a servizio delle vittime della violenza sostenendole nel rinforzare la propria rete di sicurezza.

Ci aspettiamo altri aggiornamenti dal gruppo di lavoro composto da Sonia Dionisi, Flavia Margaritelli ed Angelo Molino. 

 

Share on Facebook
Share on Twitter
Please reload

Post in evidenza

Dal pensiero-corpo al corpo – pensiero: il potere traumatizzante delle relazioni e la musicoterapia come strumento di benessere personale.

August 18, 2019

1/10
Please reload

Post recenti
Please reload

Archivio
Please reload

Seguici