Ricerca sociologica sul fenomeno dell’Incontro Nazionale delle Donne in Argentina. L’utilizzo del da

Nel 2016 la ricercatrice e sociologa Silvia Ventroni***ha partecipato al XXXI Encuentro Nacional de Mujeres (Incontro Nazionale delle Donne) ospitato, per la terza volta nella storia dell’evento, dalla città di Rosario, nella provincia di Santa Fe, in Argentina. Osservatorio Salute e Sicurezza ha deciso di incontrarla e di farsi raccontare il reportage da lei interamente curato e prodotto riguardo a questa esperienza, per comprendere se sia possibile esportare modelli replicabili in Italia per il reale contrasto alla discriminazione di genere. L’intervista si focalizza sulla copiosa documentazione da lei raccolta, e proprio per questo motivo la sua narrazione merita di essere non solo ascol

La violenza sulle donne e le sue forme. Una panoramica sullo stato attuale.

Basta digitare la parola “violenza” in un comune motore di ricerca e trovare immediatamente risultati come “violenza contro le donne” o “violenza sulle donne”: secondo un rapporto del 2013 pubblicato dall’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), l’abuso fisico e sessuale è un problema sanitario che colpisce 1/3 delle donne nel mondo. Dal rapporto emerge che il 35% delle donne in tutto il mondo ha subìto una qualche forma di violenza nella sua vita e per più del 30% delle donne la più comune è quella inflitta da un partner intimo. Inoltre si dimostra che, a livello mondiale, il 38% delle donne uccise muore per mano dei loro partner e il 42% delle donne che ha subìto violenza fisica o sessu

La violenza e la Perla: è possibile andare oltre lo sportello psicologico?

La perla, come direbbe B. Cyrulnik, nasce da una secrezione che l’ostrica produce SE, ed è importante sottolinearlo, viene disturbata da un granello di sabbia. Essa ha già in sé quella sua capacità di reagire in quanto mollusco sano, nonostante o per fortuna, viva ogni giorno non aspettandosi necessariamente di ricevere il trauma del sassolino che entra. Il sassolino, granello che sia, a sua volta, può invadere lo spazio dell’ostrica, solo SE non sia troppo grande, da distruggerla. L’ostrica ha già la capacità di reagire di fronte al trauma, ma si mostra resiliente solo in presenza di esso, seppur vivendo nel suo consueto habitat marino. Naturalmente qualcuno potrebbe obiettare di non sentir

Post in evidenza
Post recenti
Archivio
Seguici
  • Facebook Basic Square
  • Twitter Basic Square