I progetti hanno la caratteristica di essere dei veri e propri interventi sul territorio. 

Partendo dagli Istituti Scolastici fino ad arrivare ad Enti specifici, la nostra progettualità è molto intensa e creativa. 

Le attività proposte hanno il sapore e il desiderio di voler unire scienza e arte. 

In quest'area partecipiamo anche ad avvisi pubblici. 

A Novembre 2017 avviato il progetto Sportello Social in-formativo, concluso  Gennaio 2018 Bando Avviso Fuoriclasse - Por Fse Regione Lazio .  

Please reload

SPORTELLO SOCIAL IN-FORMATIVO

Il progetto Sportello Social in-formativo è un intervento finanziato dal POR FSE 2014/2020 della Regione Lazio. 

L'Associazione ha ricevuto via pec la notifica della determinazione dirigenziale, N. G12614 del 18/09/2017 avente ad oggetto " determinazione dirigenziale n.. G15791 del 15/12/2015. Avviso Pubblico "Fuoriclasse - Progetti di Rafforzamento della partecipazione attiva e dei processi di apprendimento da attuare nelle scuole della regione Lazio - Asse I "occupazione "Por Lazio Fse 2014/2020 ed Asse II "Istruzione e Formazione" Por Lazio Fse 2014/2020 per autorizzazione avvio attività finanziate (soggetti beneficiari della DD n. G08133 del 12/06/2017). 

Sintesi del Progetto 

FABBISOGNI: Numerose ricerche (es. Rap.EurydiceCedefop, 2014) evidenziano un maggior tasso di dispersione scolastica nel passaggio alla scuola dell’obbligo dalla scuola secondaria di II grado.

Altre che un utilizzo eccessivo dei Social Network e delle chat determini effetti deleteri sul rendimento scolastico (R.MelbourneInstitute of Technology, 2016; dati cyberbullismo Società Italiana Pediatria, 2014; Istat,2015).

 

DESTINATARI: Primari sono circa 100 studenti di Scuole secondarie di I grado; Secondari sono i docenti e i familiari.
LOCALIZZAZIONE: Istituto Comprensivo Civitella San Paolo, 2 plessi: Civitella S.P. e Sant’Oreste, che necessitano di diversi percorsi di integrazione degli studenti, anche stranieri, cui il progetto affianca (Rif.Prot.accoglienzaPof 2015-16).

Le zone limitrofe sono caratterizzate in effetti da forte incremento di stranieri e da un movimento migratorio notevole per via della vicinanza a Roma (Piano Zona RM F4 2014).
DURATA:circa 13 settimane.
OBIETTIVO GENERALE:   effettuare servizio  di sportello, informativo e attività per contrastare il disagio e rafforzare il benessere scolastico anche attraverso la promozione ad un uso consapevole e sicuro degli strumenti tecnologici (pc, tablet, smartphone), reti comunicative (chat on line, Social N.).

 

OBIETTIVI SPECIFICI:

1) ascolto e orientamento, per prevenzione-contrasto sia del disagio(difficoltà apprendimento, flessioni rendimento etc),imputabile, direttamente o indirettamente, ad un uso scorretto strumenti tecnologici(es.cyberbullismo, sessismo, omofobia) e contrasto alle forme di dipendenza (es.internetaddictiondisorder), sia delle difficoltà relazionali/emozionali, aggressività sociale, pregiudizio, discriminazione offline/online;

2) individuazione dei comportamenti a rischio (disagio, dipendenza);

3) apprendimento degli studenti tramite “Sportello Social ”, per una gestione efficace conflitti comunicativi Social Network ., potenziamento competenze socio-affettive, capacità empatiche, assertività

4) rafforzamento competenze docenti-  riconoscimento precoce disagio psico-fisico,

5) supporto alla collaborazione tra scuola, docenti e famiglie, e loro coinvolgimento attivo nella fase finale.
DESCRIZIONE ATTIVITA’ PROGETTUALI:
-Azione 0 “Gestione progetto”. Conduzione coordinata progetto, tempi, costi, qualità, attraverso l’istituzione del Comitato di Coordinamento (avente compiti orientamento e garanzia idoneità e correttezza scientifica - operativa modelli verso l’autorità pubblica), costituito dal presidente Associazione e dal Dirigente Scolastico. Il CC si riunisce nella fase iniziale, intermedia e finale, per monitorare step progettuali e allineamento obiettivi. In fase di avvio viene somministrato, da 2 docenti interni istituto, 1 questionario agli studenti per sondaggio bisogni. Un 2° questionario sarà distribuito a tutti i docenti delle scuole per analizzare leconoscenze in ambito I.C.T./disagio.
-Azione 1 “Sportello Social”: istituzione spazio fisico nei 2 plessi scolastici. Accoglienza, supporto e orientamento studenti (somministrazionequestionari anonimi, raccolta segnalazioni e vissuti) e brevi attività laboratorialisui temi progettuali. Due psicologhe sociali useranno foto, immagini, video su web con pc, tablet, smartphone. Il vissuto dello sportello sarà reportizzato e utilizzato nelle fasi successive.
Azione 2 “Sportello Social ”: attività laboratoriali a carattere esperienziale, ludico-educative, modello educativo empowered peer education. Gli studenti in gruppo da Azione 1 lavoreranno su aggressività sociale sul web, flaming, cyberbullismo, uso corretto di facebook, twitter, chat on line. Il vissuto laboratoriale sarà raccolto in una reportistica utile per le fasi successive.
-Azione 3 “Sessione Sportello Social Informativo”, sessione informativa plenaria con adulti (genitori). Le 2 psicologhe sociali restituiranno contenuto emotivo, quanto esperito con studenti, per aspetti premianti (gratificazione sociale nel confronto genitoriale).

Elaborazione finale di linee guida comportamentali , che saranno inserite nel sito web scolastico e  distribuite  gratuitamente ai docenti Istituto e familiari.
-Azione 4“Comunicazione e disseminazione”: diffusione risultati progettuali,elaborazione programma comunicazione, attivazione pagina sito Istituto, organizzazione conferenza finale scolastica, per illustrare i risultati ai rappresentanti Autorità di Gestione Avviso pubblico riferimento, stakeholders progetto, pubblico interessato.


METODOLOGIE: Project Management per il governo del progetto. Metodi scientifici:Psicologia sociale (osservazione sistematica sul campo, approccio etnografico), modello educazione empowered peer education.

Le psicologhe sociali utilizzeranno:approccio di counseling per orientamento studenti, tecniche formative attive/esperenziali, simulazioni, giochi di ruolo, esercitazioni di gruppo.

 

Azione B - Allegato A - Seconda Scadenza - Importo ammesso al finanziamento pari a 9998,80 .  

Si ricorda che tra la normativa di riferimento del Fuoriclasse vi è la : Determinazione Dirigenziale n. B06163 del 17/09/2012 , Modificata con DD G11495 del 10/10/2016, che disciplina lo svolgimento, la rendicontazione e il controllo delle attività realizzate dalla Regione Lazio nell’ambito del POR Lazio 2014/2020 con il contributo del Fondo Sociale Europeo e il cui campo di applicazione della direttiva è costituito dalle operazioni regolate da rapporti di natura concessoria tra Amministrazione competente (ADG /OOII) e soggetto attuatore. 

La mia squadra Life Skill per la parità di genere

Da Dicembre 2018 abbiamo sostenuto e operato con l'Istituto Comprensivo di Civitella San Paolo sul progetto " La mia squadra life skill per la parità di genere". 

Progetto Fse Lazio Innova.  

Impegno Civico

Per noi il benessere sociale vuole dire anche proporre azioni concrete in piazza con le persone reali

Per questo sia il 10/12/2016 sia il 13/05/2017 abbiamo partecipato all'iniziativa Creatività e impegno civico scendono in piazza ,nel Comune di Roma. 

A Dicembre proponendoci con interviste e video tra le persone aderenti all'iniziativa e a maggio proponendo attività con il Teatro del Benessere davanti la piazza di Porta Pia , grazie alla professionalità della eccezionale Claudia Borioni. 

Please reload