top of page

#social POST DI RIFLESSIONE: il gioielliere condannato

Facebook 9 Dicembre



È un argomento difficile ma spesso ci siamo trovati a parlare di difesa, tutela ecc.

(Mi trovo a commentare la notizia del gioielliere condannato Mario Roggero, come da considerazioni sollevate dal noto scrittore e giornalista Gramellini).

Qui il discorso vuole essere più ampio, non già riferito al singolo ma alla collettività.

È certamente difficile cogliere il limite delle reazioni quando si è stati minacciati, tuttavia, in quanto società, abbiamo il dovere di condurre fuori (e-ducere) l'essere umano dalla propria istintività per scegliere strategie migliori di adattamento.

Rincorrere i rapinatori all'esterno, peraltro, non va mai fatto anche per la propria incolumità.

Il comportamento di sicurezza migliore impone di evitare di innalzare il livello di scontro e neanche si sarebbe dovuti arrivare a uscire fuori dal negozio.

Una volta appurata l'uscita dei rapinatori, ci si deve chiudere dentro nel negozio e chiamare le forze dell'ordine.

Uscire fuori ha comportato il mettersi a rischio e mettere a rischio anche eventuali passanti.

Non è, quindi, solo una mera questione di autocontrollo ma anche di comprendere il vero significato di tutela, individuale e sociale.

Non stiamo da soli, non stiamo nel far west, possiamo ricordarci di proteggerci e di proteggere gli altri cittadini.

Il valore della giustizia si misura nei processi, non nel fai da te.

Flavia Margaritelli

Presidente

Osservatorio Salute e Sicurezza




Σχόλια

Βαθμολογήθηκε με 0 από 5 αστέρια.
Δεν υπάρχουν ακόμη βαθμολογίες

Προσθέστε μια βαθμολογία
Post in evidenza
Post recenti
Archivio
Seguici
  • Facebook Basic Square
  • Twitter Basic Square
bottom of page